Proletkult

Proletkult

L’ultimo romanzo del collettivo Wu Ming chiude (?) la trilogia composta da “Manituana” (che raccontava la rivoluzione americana) e “L’armata dei sonnambuli” (quella francese).

“Proletkult” si concentra sulla rivoluzione russa del 1917.

Il libro non narra i giorni della presa del potere da parte dei bolscevichi, ma ci “gira intorno”. Siamo infatti nel 1927, nei giorni del decennale e dei festeggiamenti (che riecheggiano il centenario appena trascorso). I protagonisti sono due: Bogdanov, scienziato, filosofo e scrittore realmente esistito, oppositore di Lenin da “tempi non sospetti”, e Denni, una giovane ragazza che dice di venire da un altro pianeta. Per scoprire i personaggi si torna indietro nel tempo, soprattutto agli anni dopo la rivoluzione (fallita) del 1905, alla rapina di Tbilisi del 1907, all’esilio di tanti rivoluzionari ospiti di Gorki a Capri, al romanzo di fantascienza “Stella Rossa”.

Proletkult scrive una storia possibile a partire da quella vera, incuneandosi in un momento della storia in cui sembrava ancora molto, se non tutto, aperto.

Le domande scomode di Denni a Bogdanov, che prova a rispondere e ci riesce fino ad un certo punto, sono le questioni che ci poniamo ancora oggi quando pensiamo alla possibilità del socialismo in questo mondo, in questo universo.

Qui i “titoli di coda” del romanzo.

Hits: 0