6 novembre 2018: arrivare preparati alle elezioni di Midterm

Le informazioni di base per seguire la “maratona Mentana” e in generale le elezioni negli Stati Uniti del 6 novembre 2018.

Per cosa si vota?

Si vota per rinnovare completamente i 435 seggi della Camera dei deputati (House) e solo parzialmente il Senato (Senate): 35 seggi su 100.

Si vota anche per rinnovare 36 governatori statali e molte assemblee legislative locali.

I colori

Nella tradizione statunitense, i repubblicani sono indicati con il colore rosso e i democratici in blu, al contrario di quanto ci possiamo aspettare.

I numeri

Attualmente alla Camera i repubblicani dispongono di 240 seggi, i democratici di 195. La maggioranza è pari a 218. Fra i 240 seggi “repubblicani”  circa 100 sono – secondo gli analisti – contendibili, mentre sono solo 13 fra quelli attualmente “democratici”.

Gli scenari

Secondo gli analisti lo scenario più probabile è che i Democratici riescano a conquistare la maggioranza alla Camera, mentre i Repubblicani la conserverebbero al Senato.

E’ ritenuto possibile, ma meno probabile, che i Repubblicani mantengano una maggioranza risicata in entrambe le camere, mentre è ritenuto altamente improbabile che i Democratici conquistino sia Camera che Senato.

La partita è molto aperta. Nei mesi scorsi i Democratici sono cresciuti nei sondaggi, ma nelle ultime settimane c’è stato un recupero da parte dei Repubblicani.

Quali sono i seggi più contesi tra Democratici e Repubblicani?

Sono tanti, una mappa con l’elenco si trova ad esempio su questa pagina del sito del New York Times. In quest’altra pagina ci sono i sondaggi collegio per collegio.

A livello nazionale che dicono i sondaggi?

I sondaggi danno un vantaggio netto dei Democratici. Ma questo non si tramuta necessariamente in una uguale supremazia nei seggi guadagnati. Infatti i seggi sono vinti con l’assurdo e antidemocratico sistema dell’uninominale maggioritario, adottato solo in pochissimi paesi, più l’Italia con il cosiddetto Mattarellum, per fortuna eliminato successivamente (ma questa è una mia considerazione personale). Grazie al gerrymandering, ovvero alla ridefinizione dei collegi in base alla convenzienza, i Repubblicani partono in vantaggio e la stima è che per vincere la Camera i Democratici dovrebbero essere avanti di molti punti percentuali. Qui un’interessante mappa interattiva su come i collegi sono stati ridisegnati negli anni.

Quando si sapranno i risultati e come seguirli?

A partire dalle 18 del 6 novembre (ora americana) chiudono i seggi, quindi i risultati arriveranno da quel momento, circa mezzanotte in Italia, quando comincia la “Maratona Mentana” sulla 7…

Qui ci sono tutti i consigli su come seguire la notte elettorale.

Fonti: CNBC, BBC, NYT, 538