Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66
Salgalaluna » 2014 » Novembre

il blog di lorenzo cassata

109 - Il disordine delle cose

Postato il 16 Novembre 2014 in letti/riletti da salgalaluna

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/functions-formatting.php on line 76

Dopo l’esordio con Via Ripetta 218 e l’intermezzo saggistico del Metodo Puffetta, è uscito il terzo libro di Silvia Pingitore. Si intitola “Il disordine delle cose” ed è di nuovo un romanzo.

Dalla scuola, dove è ambientato il primo libro, si passa all’università nel nuovo.
La protagonista, Lucia, figlia unica di una famiglia di umili portieri romani, si iscrive infatti a SCEMI (Scienze Comunicative & Mediazione Intercontinentale) dell’Università “La Speranza”.

Il suo cognome - Fellini - le permette un po’ di ingiusta fama all’interno della facoltà, fin quando non si scoprirà che nulla ha a che vedere con il regista romagnolo.

A guidarla alla scoperta del mondo sarà Ludovica, figlia fricchettona di ricchissimi e insensibili genitori, che le organizzerà anche il viaggio che probabilmente le cambierà la vita, attraverso la Finlandia in compagnia dello scorbutico cugino Mirco.

Il libro è condito da citazioni fulminanti che incrociano l’alto e il basso (da Sartre a Faletti, da Dostoevskij a Ligabue…) come esergo dei numerosissimi capitoli, valutazioni ironiche della narratrice onniscente sullo stato della generazione degli attuali ventenni senza santi in paradiso, e il Kalevala, il poema della tradizione che accompagna il viaggio iniziatico nelle terre finlandesi e la scoperta del mondo da parte della protagonista. Sono spassosi anche i personaggi secondari, tra cui spiccano il compagno di università che attacca adesivi sui pali stradali, o il preside della facoltà: Mensola.

Il romanzo è godibilissimo, costa solo 12 euro ed è da poche settimane in libreria per La lepre edizioni.



Pages (1) : [1]