Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66
Salgalaluna » 2014 » Aprile

il blog di lorenzo cassata

107 - Storie precarie

Postato il 22 Aprile 2014 in letti/riletti, my generation, numeri da salgalaluna

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/functions-formatting.php on line 76

L’agile (ed economico: costa 10 euro) libro edito da Ediesse intitolato “Storie precarie. Parole, vissuti e diritti negati della generazione senza” è una tappa di un percorso, iniziato con una campagna in rete, sponsorizzata dalla CGIL e dal settimanale Internazionale, appoggiata dall’Unità e da rassegna.it, volta a “dare voce” ai precari.

E’ stato possibile compilare un questionario on line, a giugno del 2013. Le domande non erano semplici. Si chiedeva infatti, per cominciare, di scrivere la propria storia. Come sottolineato più volte dagli autori, questo meccanismo ha fatto sì che a rispondere non fosse un campione rappresentativo dei “precari”, ma una “élite” del precariato. Tra i rispondenti prevalogono infatti precari della scuola, dell’editoria, della pubblicità, dell’università e della ricerca.

Nonostante ciò i risultati dell’indagine sono molto interessanti. Già presentati sinteticamente in varie occasione, principalmente all’ultimo festival di Internazionale a ottobre, i risultati sono ora raccolti in questo libro.

Il volume si compone, intelligentemente, di 4 parti.

La prima è un’utile panoramica dei dati esistenti sul fenomeno del precariato in Italia, confrontato con quanto succede nel resto d’Europa. Attraverso una disamina dei provvedimenti legislativi che, a partire dall’inizio degli anni ‘90, hanno favorito l’utilizzo di contratti di lavoro atipico, si ricostruisce come si sia sviluppato il fenomeno del precariato.

La seconda parte analizza le “storie” raccontate dai 470 rispondenti al questionario on line, attraverso l’analisi testuale. Ne emerge un’immagine di privazione, in cui i termini più utilizzati sono relativi alla mancanza (di diritti, tutele, futuro…).

Nella terza parte sono invece analizzati i dati relativi ai soli “precari” al momento della compilazione, cercando di costruire dei percorsi di precarietà. Gli autori distinguono infatti i precari con un’identità di lavoro solida, in transizione o fragile. Questa divisione diventa utile per comprendere come non esista una percezione di precarietà univoca, e che una variabile fondamentale è proprio il tempo trascorso senza stabilità lavorativa.

Nella quarta ed ultima parte si analizzano le proposte avanzate dai lavoratori che hanno compilato il questionario. Si chiedeva infatti sia di elencare i provvedimenti politici necessari per contrastare la precarietà, sia di suggerire al sindacato strategie e azioni. Le azioni suggerite alla politica sono “elementari”, ma mai adottate negli ultimi vent’anni: indennità di disoccupazione estesa a tutti, reddito di cittadinanza, controlli più severi sugli abusi… E’ immediato il pensiero al jobs act di Renzi: l’ennesimo provvedimento che permette di estendere ancora la precarietà, senza introdurre nuovi necessari diritti universali. Più difficile la parte relativa al rapporto con il sindacato: a parte una generica sfiducia infatti sono scarse le proposte organizzative. Bene fanno gli autori a ricordare le iniziative autonome e - seppur tardive - della CGIL: qualcosa si è mosso, non siamo al “grado zero”.
Alla fine del volume sono presenti i materiali (il questionario) e una selezione delle storie raccolte che si possono così leggere direttamente. Molte di queste sono davvero istruttive e significative.

Attenzione!  Segnalo una iniziativa analoga che è in corso proprio in questi giorni.

Vita da professionisti” è una ricerca rivolta ai professionisti NON dipendenti, di qualsiasi settore, che operano con qualsiasi forma contrattuale a termine, discontinua o precaria.

No Muos: un documentario dal basso

Postato il 7 Aprile 2014 in segnalazioni, video da salgalaluna

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/functions-formatting.php on line 76

L’altra sera ho visto un documentario. E’ stato prodotto e realizzato l’anno scorso grazie all’autofinanziamento, è disponibile anche su Youtube, vi consiglio di vederlo perché è ben fatto e racconta di una lotta di paese che è diventata grande.

No Muos - Io sono contro il Muos, di Enzo Rizzo


nomuosfilm (documentario ita)

L’aggiornamento:


nomuosfilm l'invasione (aggiornamento 01) scontri con la polizia


Pages (1) : [1]