Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66
Salgalaluna » 2014 » Marzo

il blog di lorenzo cassata

La Lista Tsipras e i partigiani sloveni gay

Postato il 18 Marzo 2014 in grassetto, video da salgalaluna

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/functions-formatting.php on line 76

Circola un bel video, ironico, girato da alcuni sostenitori dell’Altra Europa con Tsipras, la lista di sinistra per le prossime elezioni europee del 25 maggio di quest’anno.
Il video gioca con un vizio tipico delle persone di sinistra: il sospetto che dietro ci sia qualcos’altro, che quello che sembra probabilmente non è, che c’è del marcio là dove meno te lo aspetti.
Le scarse notizie che finora bucano i grandi giornali sulla “lista Tsipras” parlano del resto solo di divisioni, minoritarismi, candidati che rinunciano, ecc. Non è strano quindi che una persona di sinistra, leggendo Repubblica o Il Fatto, sia attraversata dai dubbi di cui sopra.
E però basterebbe andare a vedere “alla fonte”, ovvero ad esempio sul sito ufficiale della lista, per capire quanto ci sia di vero nei timori che risalgono solo a un anno fa, ovvero quando la lista “Rivoluzione Civile”, con a capo Ingroia, fallì l’obiettivo di portare la sinistra-sinistra in parlamento.

Che differenza c’è tra l’attuale “lista Tsipras” e la lista Ingroia di un anno fa? Ce ne sono tante, di differenze. Ne elenco qui alcune:

1 - il progetto attuale ha con sé anche SEL, oltre a Rifondazione. Invece non hanno aderito i Verdi, mentre i Comunisti Italiani ne sono usciti perché non hanno candidati in lista
2 - la lista Tsipras è inequivocabilmente “di sinistra”, e non una lista “civica” senza idee (vd. anche il punto 1)
3 - il progetto attuale non ha magistrati, carcerieri, legalisti in prima fila ovunque come era nella lista “Ingroia”
4 - la lista attuale, a differenza di quella dell’anno scorso, non ha un “leader” italiano. L’unico nome scritto sul simbolo è quello di Tsipras, il leader di Syriza, candidato ufficialmente a presidente della Commissione Europea dai partiti della sinistra di tutta Europa
5 - i garanti della lista, che si sono occupati delle candidature, hanno secondo me fatto un lavoro egregio, a differenza di quelli della lista “Rivoluzione Civile”, infatti:
6 - non ci sono candidati leader o “big” di partito, né ex parlamentari o consiglieri regionali, né di SEL né di Rifondazione. I candidati “di partito” sono pochissimi, mai in cima alla lista, quasi tutti giovani: penso ad esempio a Marco Furfaro, di SEL, candidato al Centro
7 - sono candidati esponenti di tutti i principali movimenti “locali” che in questi anni si sono espressi in Italia: No Tav in Piemonte, No Muos in Sicilia, Acqua Pubblica, Scuola Pubblica a Bologna…
8 - sono candidati vari esponenti di importanti battaglie sindacali
9 - sono candidati non semplici esponenti della “società civile”, ma molti di coloro che hanno organizzato le grandi battaglie degli ultimi 13 anni, dal G8 di Genova del 2001 al referendum per l’acqua pubblica del 2011, passando per i movimenti contro la guerra, la precarietà, per l’articolo 18 o per la scuola e l’università pubblica. Penso ad esempio a Raffaella Bolini dell’ARCI, Tommaso Fattori e Luca Casarini, candidati al Centro, oppure a Claudio Riccio al Sud e Alessandra Quarta al Nord Ovest (entrambi attivisti del sito Il Corsaro ed esponenti dei movimenti studenteschi negli scorsi anni)
10 - sono candidati i migliori intellettuali italiani, tra cui cito la scrittrice Valeria Parrella e lo scrittore Ermanno Rea al Sud, l’attore Moni Ovadia al Nord Ovest, l’attore Ivano Marescotti al Nord Est

Ecco perché l’anno scorso non votai la lista Ingroia, e certamente voterò invece quest’anno la lista “L’Altra Europa con Tsipras”.

Link: | Lista Tsipras | ACT |



Pages (1) : [1]