Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/gettext.php on line 66
Salgalaluna » 2012 » Ottobre

il blog di lorenzo cassata

Crocetta e crocette

Postato il 30 Ottobre 2012 in grassetto, numeri da salgalaluna

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/mhd-01/www.salgalaluna.com/htdocs/wp/wp-includes/functions-formatting.php on line 76

Faccio alcune considerazioni sul voto in Sicilia di domenica 28 ottobre 2012, interpretando i dati che riporto nel file che potete consultare qui. Queste brevi note possono forse essere utili a ridimensionare commenti letti e sentiti tra ieri e oggi. L’unico dato, secondo me, davvero rilevante di queste elezioni è l’enorme quantità di persone che non si è recata a votare. Pretendere invece di trarne indicazioni (nazionali!) su alleanze giuste o sbagliate o sull’effettiva penetrazione del Movimento di Beppe Grillo, o ancora sul tracollo del PDL, mi sembra una forzatura.
1) L’astensione è più alta del 47%. Infatti sono andati al seggio in 2milioni e 200mila (il 47%), ma solo 2 milioni (il 43%) ha votato almeno un candidato presidente, e 1 milione e 900mila persone (il 41%) hanno votato almeno una lista (un partito). L’astensione ha viaggiato quindi tra il 57 e il 59%.

2) Rispetto alle precedenti elezioni regionali (2008), il PD ha dimezzato il numero di consensi in termini assoluti (da 505mila a 257mila), il PDL ha una flessione di oltre due terzi del suo elettorato (da 900mila a 247mila). Anche l’UDC ha perso consensi (da 337mila a 208mila), così come il movimento di Lombardo (MPA), che da 376mila voti si è ridotto a prenderne la metà: 183mila.

3) L’unica lista che sale rispetto a 4 anni fa è quella del Movimento 5 Stelle: da 46mila a 285mila.

4) Il voto disgiunto ha premiato soprattutto Cancelleri, il candidato del Movimento 5 Stelle, che infatti risulta il terzo candidato più votato con il 18,2%, mentre la lista che lo sosteneva si è fermata al 14,9%. Il candidato più penalizzato dal voto disgiunto è invece stato Miccichè, che ha ottenuto il 15,4% dei voti, mentre le liste che lo appoggiavano sono arrivate al 20%.

5) In termini reali sugli elettori, il candidato vincente Crocetta è stato votato dal 13,3% dei siciliani aventi diritto. Un siciliano su 7 ha votato Crocetta. E solo 1 su 8 ha votato uno dei partiti che lo sostenevano (PD, UDC o il Movimento per Crocetta). Un elettore siciliano su 13 ha votato Cancelleri, e uno su 16 ha messo la croce accanto alla lista del Movimento 5 Stelle, che risulta il partito più votato.

video consigliato



Pages (1) : [1]